“Questa sezione è dedicata ai nostri juniores, meglio conosciuti come “Garulini”.

È stato chiesto a me di presentarla in quanto sono conosciuta come la loro “maestra”, termine che amo perché rappresenta una figura importante nella vita di ogni bambino.

In realtà non sono la sola, ogni istruttore segue dei bambini, sia nei corsi di educazione di base che nelle varie discipline.

Io, insieme a altri, mi occupo di Agility dog, ma quello che sto per dire vale in generale nel rapporto tra il bambino e il suo cane, se questo rapporto viene indirizzato correttamente da un adulto competente.

Nel lavoro con i bambini e gli adolescenti l’agility dog per me non è un fine ma un mezzo molto potente.

Grazie a questa meravigliosa disciplina loro imparano a prendersi cura di un altro essere e diventano più responsabili, si aiutano, sostengono, consolano a vicenda e diventano più collaborativi e empatici, imparano la disciplina e la sportività ma soprattutto imparano a perdere trasformando le loro sconfitte in opportunità per lavorare e crescere, imparano che solo se si lavora seriamente i risultati arrivano, la loro autostima cresce e la maggior sicurezza si rispecchia anche in ambito scolastico.

Negli anni mi è capitato spesso di lavorare con bambini dislessici, con bambini con disturbo dell’attenzione o con altre particolarità, in questi casi l’agility dog è stata di fondamentale aiuto, tanto che in alcuni casi ho concordato il lavoro con professionisti che li seguivano, su loro richiesta.

Alcuni ragazzini non amano gareggiare ma si allenano con grande impegno, altri ne vanno pazzi e con loro abbiamo creato una squadra agonistica, tutti si divertono da matti.

La nostra squadra agonistica è un fiore all’occhiello per il Garu, è  la più numerosa tra tutti i club italiani, composta da ragazzi forti, competitivi nel modo migliore e con accentuata sportività, intesa come FairPlay. Partecipano a gare dei circuiti ENCI e CSEN ma quelle che amano sono le selettive per far parte della Squadra Nazionale, durante le quali ritrovano i loro amici sparsi lungo tutto lo stivale. Quelli più fortunati che riescono ad accedere alla Nazionale e partecipano ai Campionati Europei –  Mondiali dal 2020 – che si tengono in tutta Europa. In quest’occasione le loro amicizie si allargano, diventano internazionali e a volte nascono degli innocenti flirt di cui poi sorridono insieme durante il resto dell’anno.

Dei nostri ragazzi scriverei per pagine intere ma è più giusto dare la parola loro. Se cliccate sul profilo di ognuno, troverete le loro testimonianze, i loro pensieri.

 

Elisabetta Ranieri Responsabile Juniores GARU

Contattaci per informazioni

Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Compila questo campo
Motivo della richiesta
Seleziona un'opzione
Compila questo campo
Devi accettare i termini per procedere

Le attività che ti aspettano

Menu